Discorso di Ron Burton

Cari amici Rotariani,

sapete di essere venuti a questo Istituto Rotary con un obiettivo ben preciso in mente: un Rotary più forte nel 2013-2014 e per gli anni a venire. La domanda da porsi, naturalmente, è come riuscire a conseguire quest’obiettivo. Il Rotary è un’organizzazione singolare: ha ampia portata, è diversificata e ha grande significato per tante persone.

Opportunamente, la leadership del Rotary è unica nel suo genere. Rispecchia in tutto e per tutto la diversità e le dimensioni del suo effettivo, e si assume la responsabilità a livello globale, di zona, distrettuale e di club.

Nel corso del 2013-2014, Voi aiuterete a guidare i Rotariani della Zonas 11, 12, 13, e 18B, a realizzare un anno pieno di successi nel Rotary. E nel Rotary, per successo s’intende una cosa molto semplice, ossia cambiare la vita delle persone per il meglio. Significa fare quanto più bene possibile, per quante più persone possibile. È un obiettivo fantastico, ed è ancora più stupendo rendersi conto che si tratta di quello che effettivamente realizziamo nel Rotary, ogni giorno. E più lo facciamo, maggiore è il successo che otteniamo.

Per avere successo nel Rotary non occorre cercare di vivere il Rotary in maniera diversa. Basta vivere il Rotary nel modo giusto. Significa aggiungere altre buone azioni al buon operato già realizzato, e trovare nuove idee che i nostri successori potranno trasformare in realtà in futuro. Per la leadership del Rotary, successo significa saper riconoscere, sin dall’inizio, che l’unico modo per avere un’organizzazione stabile è di avere un effettivo solido; con club pieni di individui che amano il Rotary, coinvolti nel Rotary, impegnati nel servizio del Rotary e che ne fanno parte per le giuste ragioni.

Più i nostri amici Rotariani sono impegnati nel servizio del Rotary, e più il Rotary avrà successo. Ed è proprio questo che intendo dire quando Vi chiedo di Vivere il Rotary, Cambiare vite.

Vi auguro tutto il meglio da questo Istituto Rotary e di trascorrere un meraviglioso anno all’insegna del “Servire al di sopra di ogni interesse personale”.

Cordiali saluti.

Ron D. Burton